"I veri traguardi non sono scritti su cartelli,
sono semplicemente i luoghi dove ci porta il nostro coraggio."
Denny Biasiolli

Blog

Categoria: Citazioni

Questa è solo una bicicletta    

  • 24 Apr 2015


This is just a bicycle, not a ticket to your dreams. It's not a romantic poem immortalized in black and white photography. It doesn't notice if you're suffering nobly through wind and rain or care if your ride is epic enough. But it does leap forward when you push the pedals, it dives and carves and sprints. It gives back exactly what you put in. And of course it can make you feel really damn awesome.

Ritte Cycles

Questa è solo una bicicletta, non un biglietto per i tuoi sogni. Non è una poesia romantica immortalata in una fotografia in bianco e nero. E non si accorge se stai soffrendo nobilmente attraverso vento e pioggia, non le importa se la tua corsa è abbastanza epica. Ma balza in avanti quando premi sui pedali, si tuffa e scolpisce e scatta. Ti restituisce esattamente ciò che ci hai messo. E, naturalmente, può farti davvero sentire dannatamente magnifico.

Ritte Cycles
Categorie: CiclismoCitazioniSportTag: Ritte Cycles

Quando sei stanco, ma soddisfatto, non sei mai stanco.    

  • 12 Feb 2015



I muscoli doloranti sono diventati una costante di quasi ogni giorno negli ultimi tre mesi, gli allenamenti intensivi lasciano strascichi di stanchezza e di indolenzimento generale, ma i miglioramenti sono sotto i miei occhi ogni giorno. Nel nuoto ho più che dimezzato i miei tempi di tre mesi fa, nella corsa continuo a "rosicchiare" secondi al km e nel ciclismo ho la preparazione che di solito avevo a metà della stagione estiva.

Certo. Ci sono stati giorni di allenamenti al freddo, sotto la pioggia, al buio o ad orari improponibili. Giorni in cui, a causa del dolore, non credevo di portare a termine l'allenamento. Ho affrontato ogni momento stringendo i denti e continuando a perseverare, certo che la ricompensa sarebbe arrivata prima o poi, sotto forma di soddisfazione.

Quando sei stanco, ma soddisfatto, non sei mai veramente stanco.
Denny Biasiolli

E la soddisfazione è finalmente arrivata. C'è ogni volta che noto un miglioramento dei miei tempi, è alla fine di ogni allenamento completato nonostante il dolore, è alla fine della frase "ma chi te lo fa fare?" pronunciata da chi mi sta intorno. È in tutte queste cose e in molte altre ancora: negli occhi incuriositi di un bambino che mi guarda dal caldo della finestra di casa sua mentre passo correndo sotto la pioggia, in un airone che spicca il volo di fronte a me quando passo con la bici, oppure nel rumore leggero della neve che scioglie e gocciola a bordo strada mentre affronto una salita impegnativa. Vi vorrei descrivere un'infinità di momenti del genere, ma sarebbero parole al vento, perché il modo migliore per capirle è quello di viverle in prima persona, nonostante la fatica, nonostante il dolore, anzi, proprio grazie a fatica e dolore.

Corro perché molto prima che le mie orme svaniscano, forse avrò ispirato qualcuno a rifiutare la strada facile, a scendere in pista, a mettere un piede davanti all'altro e ad arrivare alla mia stessa conclusione: corro perché questo mi porta sempre dove voglio andare.
Dean Karnazes
Categorie: CiclismoCitazioniCorsaNuotoRiflessioniSportTriathlon

Nascita di un triatleta - Parte 3    

  • 10 Nov 2014

(continua da qui e qui)

Prendi un giorno di fine estate, aggiungi la proposta di iscrizione ad un corso base di nuoto, un pizzico di curiosità ed ecco completato il cerchio del triathlon con l'ultimo sport che mi mancava.
Il corso inizia a metà settembre ed è focalizzato sulle tecniche di base del nuoto. Fin da piccolo avevo paura dell'acqua e con le insistenze dei miei ho imparato almeno a stare a galla. Solo con gli anni (e con l'incoscienza) ho imparato a fare tuffi da altezze fino a 5 metri e nuotare alla bell'e meglio a rana, dorso e stile, con una tecnica che lascia molto a desiderare.
Con il corso imparo alcune posture e alcune tecniche che mi permettono di nuotare più agevolmente. Partendo praticamente da zero con il nuoto finisco ogni lezione in preda a dei crampi allucinanti, ma non mi perdo di coraggio e continuo ad insistere. Nel frattempo mi iscrivo per il nuoto libero nelle pause pranzo per migliorare ulteriormente muscolatura, fiato e tecnica. Il nuoto mi sta appassionando sempre di più.

I gesti del nuoto sono i più simili al volo. Il mare dà alle braccia quella che l'aria offre alle ali; il nuotatore galleggia sugli abissi del fondo.
Erri De Luca

Durante una delle pause pranzo di allenamento inizia a venirmi la folle idea di poter fare triathlon, mi basta semplicemente sommare il ciclismo (il mio sport primario), la corsa (il mio sport secondario) e il nuoto. Mi informo e scopro che proprio a Savigliano c'è una squadra, il Tri Team. La curiosità mi spinge a chiedere ulteriori informazioni ed ora eccomi qui a seguire allenamenti 6 giorni la settimana, il tecnico della squadra si è offerto di darmi tabelle e di seguirmi nella preparazione. Il primo obiettivo? Il Triathlon Sprint di Fossano, ad Aprile 2015. Inizia così il mio percorso di preparazione con la speranza di migliorare i miei tempi soprattutto nel nuoto, che, al momento, è il mio tallone d'Achille.

Lottare e soffrire: questa è l'essenza di una vita degna di essere vissuta. Se non stai spingendo al di là della tua "zona di comfort", se non stai chiedendo di più a te stesso - crescendo e imparando nel cammino - stai scegliendo un'esistenza vuota. Ti stai negando un viaggio straordinario.
Dean Karnazes

La strada è lunga e faticosa, ma impegnandomi spero di raggiungere il mio primo semplice obiettivo: non arrivare ultimo.

Stay tuned.
Categorie: CitazioniImmaginiNuotoRiflessioniSportTriathlon

Nascita di un triatleta - Parte 2    

  • 03 Nov 2014

(continua da qui)

Le uscite in bici procedono bene e le soddisfazioni si accumulano estate dopo estate, ma nelle stagioni fredde il clima e la neve bloccano i miei allenamenti e ad ogni primavera mi trovo costretto a ripartire quasi da zero. A poco servono le sporadiche sedute di rulli nella mansarda di casa, ho bisogno di trovare qualcosa di più impegnativo.

La risposta è nella corsa a piedi. Coinvolge muscoli differenti, ma serve a "far fiato" ed è comunque meglio di niente. Con i primi freddi di ottobre inizio a correre e ci vado regolarmente fino a primavera, senza impormi particolari obiettivi e solo per restare in forma.
La prima sfida arriva verso Aprile con una corsa stracittadina non competitiva: la Stra-Bra. Non ho un allenamento specifico, ma decido di partecipare. Nei weekend prima della corsa vado a fare due simulazioni sul percorso di gara e la mia impreparazione mi fa infiammare un muscolo laterale del ginocchio, la bandelletta, costringendomi, essendo già iscritto, a farla camminando con i comuni mortali, famiglie, anziani e bambini che non sono interessati a correre.
Per fortuna è primavera e posso ripiegare sulle uscite in bici che nello stesso tempo mi aiutano a guarire dal dolore al ginocchio.
Passano alcuni mesi e mi riprendo alla perfezione. Durante l'estate mi chiedono di correre una tappa della staffetta Fossano-Migliorero e accetto volentieri. Questa volta mi alleno con più razionalità e raggiungo il giorno della gara senza gravi dolori. Il programma prevede 10 km di corsa da Festiona ad Aisone e ritiro del pacco gara ai Bagni di Vinadio, quindi decido che se sopravvivo alla corsa vado a ritirarlo in bici, così, per fare qualche km di salita sui pedali.

Se escludiamo le corse podistiche fatte quando ero ancora un bambino questa è la prima corsa pubblica ufficiale a cui prendo parte e la sensazione è positiva fin da subito. Durante la gara non mi sento in competizione, mi sembra di esser parte di un grande gruppo che corre con uno scopo comune: raggiungere il traguardo, non per battere gli avversari, ma per sconfiggere quella voce interiore che mi spinge a mollare, a fermarmi per prendere fiato e per far riposare le gambe. Decido di non dare ascolto a quella voce e arrivo fino in fondo piazzandomi a metà classifica, non male per essere la prima corsa. Riprendo fiato per qualche minuto, poi salgo sulla bici e fuggo via, destinazione Bagni di Vinadio. La salita non è molto dura, ma dopo i 10 km di corsa le gambe sono fiacche. Mi vengono dei crampi allucinanti e la voglia di rinunciare è molta, ma tra atroci dolori e rischi di svenimento arrivo a destinazione, colmo di soddisfazione per la doppia impresa appena fatta. Ora posso finalmente ritirare il meritato pacco gara per poi crollare su una sedia a mangiare e recuperare le forze.

La gente pensa che io sia pazzo che abbia scelto una vita di torture, anche se io direi che è proprio il contrario. Da qualche parte lungo la strada abbiamo confuso la comodità con la felicità. Dostoevskij aveva ragione: "La sofferenza è la sola origine della coscienza". Mai i miei sensi si trovano più attivi rispetto a quando si raggiunge il dolore. C'è una magia nella fatica. Provate a chiederlo a qualsiasi corridore.
Dean Karnazes

Il doppio successo di questa giornata e l'emozione provata durante la gara mi spingono ad informarmi sul tesseramento FIDAL e sull'iscrizione a qualche società podistica, ma il destino ha ben altro in serbo per me...

(continua qui)
Categorie: CiclismoCitazioniCorsaImmaginiRiflessioniSportTriathlon

Nascita di un triatleta - Parte 1    

  • 31 Ott 2014

È iniziato tutto molti anni fa, quando per scommessa alcuni miei amici mi hanno detto "non ce la farai mai ad andare da Piasco a Casteldelfino in bici!". Pensandoci ora è un'impresa relativamente semplice, ma all'epoca non avevo il benché minimo allenamento nelle gambe e mi sembrava quasi impossibile farcela.
Ho affrontato e raggiunto l'impresa insieme al mio amico Davide e ricordo ancora ogni metro della strada percorsa, la foratura pochi km dopo la partenza, il cambio di camera d'aria, il secondo cambio di camera d'aria perché la prima era già danneggiata, la ripartenza e la fatica fatta durante il percorso in salita ("leggera salita" direi ora). Lo sconforto causato dalla stanchezza, l'ostinazione nel dire "ormai siamo qui, tanto vale andare fino in fondo", la soddisfazione provata al raggiungimento dell'obiettivo e la sensazione di libertà regalata dal vento sulla pelle durante il percorso di ritorno in discesa.

Io sento la terra ed il vento e gli alberi, io sento il loro spirito, io sento il ritmo della corsa, è come musica.
Gabriel Harmony Jennings

Qualche tempo dopo, forte del ricordo positivo di quella salita, mi pongo un nuovo obiettivo, molto più ambizioso del precedente: raggiungere il Santuario di Sant'Anna di Vinadio partendo da Borgo San Dalmazzo, vicino a Cuneo. Questa volta mi accompagna mio padre, suggerendo (dato il mio allenamento praticamente nullo) di partire in un punto che ci consentisse di fare meno strada: a Piano Quinto. Partiamo, dopo qualche km di riscaldamento raggiungiamo i piedi della salita di 15 km e iniziamo la scalata. Avendo un buon allenamento lui mi stacca fin da subito, io procedo comunque alla mia andatura nel tentativo di raggiungere la vetta. Questa volta sono meno fortunato, la mia inesperienza mi ha fatto partire senza scorte di cibo e quindi vado in crisi di fame a 5 km dall'inizio della salita. Disperato, cerco di placare i morsi della fame masticando fili di erba raccolti a bordo strada e bevendo litri di acqua (per fortuna le fontane non mancano). Faccio lunghe e frequenti pause e mi sdraio in ogni punto possibile a recuperare le forze. Mi addormento per qualche minuto, poi i rumori delle macchine mi riportano alla realtà. Prendo addirittura una breve raffica di pioggia passeggera, poi spunta il sole e mi asciugo velocemente. In questo scenario apocalittico procedo con la forza della disperazione, ma crollo definitivamente a -3 km dalla vetta quando inizia a piovere a dirotto e la macchina dei miei genitori per fortuna arriva in soccorso, strappandomi da quell'agonia.

Si tratta di una verità spaventosa: il dolore può renderci più profondi, può conferire un maggiore splendore ai nostri colori e una risonanza più ricca alle nostre parole. Questo avviene se non ci distrugge, se non annienta l'ottimismo e lo spirito, la capacità di avere visioni e il rispetto per le cose semplici e indispensabili.
La regina dei dannati - Anne Rice

Potevano succedere soltanto due cose, o abbandonavo per sempre l'idea di andare in bici a causa del trauma vissuto nell'ultima esperienza, oppure lasciavo l'obiettivo in sospeso impegnandomi duramente per raggiungerlo.
Scelgo la seconda opzione e mi alleno gradualmente nei mesi estivi, tentando di raggiungere passo dopo passo obiettivi sempre più difficili. Dopo due anni decido di riprovarci, arrivo finalmente al Santuario Sant'Anna di Vinadio e sono così galvanizzato dall'impresa che riesco a raggiungere anche il Colle della Lombarda nello stesso giorno. La soddisfazione è enorme, ma gli obiettivi non mancano e ogni anno mi spingo sempre un po' più in alto, raggiungendo traguardi sempre più ambiziosi: Pian del Re, il Colle di Sampeyre, il Colle dell'Agnello, il Fauniera (o Colle dei Morti).
Ognuna di queste salite ha un fascino tutto suo, il panorama ti alleggerisce il pensiero, la fatica ti scava dentro e depura le tue motivazioni, l'acqua consolida dentro di te quelle sensazioni e quando raggiungi la vetta la stanchezza viene messa in secondo piano dalla soddisfazione e dalla pace che hai nel cuore.

(continua qui)
Categorie: CiclismoCitazioniImmaginiRiflessioniSportTriathlonTag: Colle dei MortiColle dell'AgnelloColle di SampeyreColle FaunierasaliteSant'Anna di Vinadio

Contatti


Generic placeholder image

Multimedia

Instagram | YouTube | Google

Generic placeholder image

Sport

Garmin | Strava

Generic placeholder image

My Work

GitHub | npm
Software developer @ Maieutical Labs

Generic placeholder image

Location

Savigliano (CN)
ITALY

Curriculum


Sviluppatore software presso Maieutical Labs s.r.l. - Torino

Attività

Contributor/maintainer di progetti opensource su GitHub

Nel tempo libero mi occupo di contribuire a progetti opensource su GitHub. Su alcuni progetti sono maintainer o contributor.
Trovate alcuni miei lavori su GitHub (link), altri lavori sono su Bitbucket e GitLab su repository privati. Highlights:
- angularjs-pdf (maintainer)
- react-alert (collaborator)
- react-boilerplate (contributor)
- ionic-v1 and ionic2 (contributor)
- Chart.js (contributor)

Breve talk su “Electron Framework”, Torino Coding Society, Torino

28 Febbraio 2017
Breve talk su Electron, un framework JavaScript usato per creare applicazioni desktop cross-platform.
- Link: torinocodingsociety.it/events/torino-coding-society-28feb17
- Slide: https://goo.gl/j3maof
- Video: https://youtu.be/TfXetxQEKL8

Coach agli eventi DjangoGirls in Italia

Torino, 2 Luglio 2016  |  Milano, 26 Novembre 2016  |  Napoli, 18 Febbraio 2017
Django Girls è un’organizzazione no-profit e una community che incoraggia e aiuta le donne a organizzare workshops gratuiti di una giornata fornendo strumenti, risorse e supporto.
Durante ognuno di questi eventi, 30-60 donne creano la loro prima applicazione web utilizzando HTML, CSS, Python e Django.
Links: Torino, Milano, Napoli

Hobby

Ho un hobby particolarmente impegnativo: il triathlon. Le lunghe e solitarie sessioni di allenamento mi aiutano a svuotare la mente da ogni pensiero superfluo per focalizzarmi su ciò che è veramente importante.

"Da qualche parte lungo la strada abbiamo confuso la comodità con la felicità." (Dean Karnazes)

Lingue straniere

Ho una buona conoscenza dell'inglese, soprattutto in ambito informatico; non ho difficoltà a leggere documentazioni tecniche. L'inglese colloquiale lo conosco in maniera sufficiente, purtroppo manca un po' di pratica per poterlo parlare fluentemente.
La mia conoscenza del francese risale ai tempi delle medie, da quel momento non ho più fatto pratica se non per due settimane nel lontano 2007 in una trasferta di lavoro in Algeria, dove ho dovuto interagire con la regia della televisione pubblica algerina durante una manifestazione sportiva in cui mi occupavo della grafica da mandare, appunto, alla TV.

Carattere / Lavoro in team

Ho seguito alcuni progetti da solo, ma per la maggior parte del tempo ho sempre lavorato in team composti da almeno tre sviluppatori senza particolari difficoltà. Trovo estremamente positivo condividere le idee sulla soluzione ai problemi di sviluppo e costruire qualcosa di grande partendo dai piccoli progetti di ognuno.

Credo di avere un carattere socievole, maturato nei molti anni passati facendo il cameriere. Mi rapporto con i clienti con facilità per capirne le esigenze e le difficoltà nell'utilizzo del software, per poter successivamente sviluppare soluzioni che risolvono le loro problematiche.

Esperienze lavorative



da Febbraio 2016

Web developer presso Maieutical Labs s.r.l. - Torino

Sviluppo di applicazioni web utilizzando:
- Backend: Python, Django, DjangoRestFramework
- Frontend: JavaScript, Angular.js, React, Ionic, Electron, ecc..
- Database: PostgreSQL, PouchDB
- Strumenti di sviluppo: Atom, VSCode
- Workflow: Git, Bitbucket, GitLab, Trello


Aprile 2012 - Febbraio 2016

Sviluppatore software presso Informatica EDP s.r.l. - Fossano (CN)

Sviluppo di software gestionali desktop:
- Linguaggi: C#, VB.NET
- Database: Microsoft SQL Server, MSAccess, Excel, CSV, SQLite
- Strumenti di sviluppo: Microsoft Visual Studio 2013/2015, Crystal Reports 13, DevExpress, XtraReports
- Workflow: SVN, Mantis
Mi sono occupato anche di interfacciamenti con software di terze parti tramite tracciati su file CSV, file di Excel, View e Stored procedure in SQL
Attività:
- Sviluppo di software in .NET per la gestione dei rifiuti di aziende che li producono, li trasportano e/o li recuperano/smaltiscono.
- Creazione di moduli da integrare al software principale per gestire preventivi, contratti, DDT, fatture, ecc..
- Creazione di stampe in Crystal Report 13 e DevExpress
- Assistenza a clienti e formazione all'utilizzo del software, tramite telefono, Skype o in trasferta presso il cliente


Gennaio 2008 - Aprile 2012

Sviluppatore software presso la Edisoft s.r.l. - Saluzzo (CN)

Sviluppo di software gestionali desktop:
- Linguaggi: VB.NET, VB6, PHP
- Database: Access, MySQL, Microsoft SQL Server
- Strumenti di sviluppo: SharpDevelop, VB6, Cystal Report XI
- Workflow: SVN, Mantis
Attività:
- creazione di un software client-server che comunica tramite il .NET Remoting e gestisce code di priorità concorrenti per l'accesso ai dati.
- creazione di programmi gestionali in Visual Basic 6 o su piattaforma .NET, che lavorano su database come Access, MySQL, Microsoft SQL Server 2000, 2005 e 2008.
- creazione di stampe in Crystal Report XI
- creazione di una piattaforma in php/mysql basata su Joomla per la gestione dei contatti e dello storico delle chiamate ai clienti


Aprile 2007 - Gennaio 2008

Sviluppatore software presso la Microplus Informatica s.r.l. - Marene (CN)

- Linguaggi: C++, C#
- Strumenti di sviluppo: Borland C++, SharpDevelop
- Workflow: SourceSafe
Sviluppatore C++, frequenti trasferte in tutto il mondo, assistenza nel cronometraggio e nella gestione di manifestazioni sportive, per le quali si sviluppavano programmi appositi che gestivano l'elaborazione dei dati e la loro conseguente visualizzazione su tabelloni e reti televisive tra cui la RAI.
Tra le varie attività svolte ci sono:
- Giro d'Italia 2007
- Campionati Africani di atletica e nuoto ad Algeri (Luglio 2007)
- Manifestazioni sportive in tutta Italia, organizzate dalla Federazione Italiana Nuoto e dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera


Settembre 2005 - Marzo 2007

Sistemista presso la NetSolution Informatica - Fossano (CN)


Luglio-Agosto 2005

Sistemista presso Alpi Informatica - Savigliano (CN)
Pizzaiolo presso il ristorante Peter Pan - Savigliano (CN)

Pizzaiolo al ristorante Peter Pan, al mattino effettuavo assemblaggi di computer e assistenza tecnica presso il negozio "Alpi Informatica" a Savigliano


2000-2005

Diplomato come Perito Tecnico Industriale Informatico il 2 luglio 2005 presso l'IIS G. Vallauri di Fossano (CN) con la votazione di 85/100


2003-2005

Ottenuto il certificato Cisco C.C.N.A. - "Cisco Certified Network Associate" il 30 maggio 2005


Estate 2004

Stage lavorativi presso la Microplus Informatica s.r.l. - Marene (CN)

- Riccione: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione "FINA World Masters Swimming Championships" - Campionati Mondiali Master di Nuoto
- Roma: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione internazionale "RomAquatica - Trofeo Sette Colli"
- creazione di un programma in Visual Basic 6 per gestire le iscrizioni ad una palestra per bambini
- Viareggio: addetto stampa risultati ufficiali della manifestazione "RESCUE 2004 - Life Saving World Championships"


dal 1999

Ho iniziato ad interessarmi al mondo informatico in generale, finanziando questo mio hobby con il lavoro da cameriere in diversi ristoranti della provincia